Notizie

Home > Notizie

CONSORZIO DI BONIFICA PIAVE: LAVORI DI RICONVERSIONE IRRIGUA NEL TREVIGIANO

Inizieranno a metà mese i lavori per la realizzazione di un importante e articolato impianto pluvirriguo nel comprensorio di Bonifica Piave (sede a Montebelluna Tv) che permetterà, una volta completato, di efficientare la distribuzione della risorsa irrigua in un territorio di 3.060 ha tra i comuni di Istrana, Paese, Quinto, Crocetta del Montello e Arcade, nella Marca Trevigiana.

Tali interventi sono motivati dalla necessità di rispettare i valori di Deflusso Ecologico, previsti dalla direttiva europea Quadro Acque (Direttiva 2000/60/CE) che, fissando un limite minimo di portata dei fiumi, di fatto costringerà a una riduzione dei prelievi dal Piave già a partire dal 2022.

Gli interventi, una volta completati, consentiranno una riduzione del prelievo d’acqua dal Piave di circa 1200 l/s grazie alla maggiore precisione dell’irrigazione ad aspersione rispetto agli attuali sistemi a scorrimento. Tale risparmio idrico si presenta come fondamentale anche a causa dei lunghi periodi siccitosi sempre più frequenti in quest’epoca di mutamenti climatici. Il lavoro complessivo degli interventi è di 20 milioni che il Consorzio Piave è riuscito a ottenere dal Ministero dell’Agricoltura tramite il Piano Nazionale di Sviluppo Rurale 2014-2020.

Approfondisci la notizia sul sito del Consorzio di Bonifica Piave

FIUMI, TUTELA AMBIENTALE E RIGENEREAZIONE URBANA: UN CONVEGNO A NOALE RACCONTA I CASI MARZENEGO, PIOVEGA DI SCANDOLARA E RIO STORTO

Tre corsi d’acqua che attraversano il Comprensorio di Bonifica Acque Risorgive sono stati oggetto di un convegno tenutosi a Noale il 2 ottobre, nel contesto del Festival della Bonifica, dedicato a sicurezza idraulica e tutela ambientale.

(altro…)

SIGLATO IL CONTRATTO DELLE RISORGIVE DELLA MEDIA PIANURA VICENTINA-PADOVANA

Giornata storica, lo scorso 29 settembre, per la tutela ambientale in Veneto. Nel comune vicentino di Bressanvido, infatti, diversi soggetti pubblici e privati, tra i quali ANBI Veneto e il Consorzio di Bonifica Brenta (sede a Cittadella) e il Consorzio Alta Pianura Veneta (sede a San Bonifacio) hanno sottoscritto  il “Contratto delle Risorgive della media pianura vicentina-padovana”, nel quadro più ampio del programma comunitario LIFE Risorgive, di cui il Consorzio di Bonifica Brenta è partner operativo. Il contratto, nello specifico, interessa la fascia delle risorgive di una vasta area centrale del Veneto, tra i monti Berici e la pedemontana vicentina ai piedi dell’Altopiano dei Sette Comuni.

(altro…)

TUTELA AMBIENTALE E SALVAGUARDIA IDRAULICA – SEMINARIO A NOALE 2 OTTOBRE – FESTIVAL DELLA BONIFICA

Nel contesto di Terrevolute Festival della Bonifica e dalla Settimana Nazionale della Bonifica e Irrigazione, Noale ospita venerdì 2 ottobre 2020, alle ore 9.15 un seminario dedicato alla alla salvaguardia idraulica e alla tutela ambientale.

L’iniziativa  è organizzata da Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, Associazione degli Ingegneri della Provincia di Venezia e Fondazione Ingegneri di Venezia, in collaborazione con ANBI Veneto e con l’Università degli Studi di Padova, con il patrocinio dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Venezia.

(altro…)

PARLIAMO D’ACQUA, PARLIAMO DI AMBIENTE: IL FESTIVAL DELLA BONIFICA APPRODA A NOALE IL 2 OTTOBRE

Il Consorzio di Bonifica Acque Risorgive ha scelto Noale (Ve) per la tappa conclusiva del 3^ Festival della Bonifica Terrevolute, la manifestazione ideata da ANBI Veneto, con i suoi 11 Consorzi di Bonifica, e dall’Università di Padova, per raccontare ai cittadini il fragile equilibrio tra uomo, acqua e territori di pianura.

(altro…)

SETTIMANA NAZIONALE DELLA BONIFICA E IRRIGAZIONE: GLI EVENTI IN VENETO

In un’edizione forzatamente ridotta, lontano dal tradizionale periodo di Maggio ma in occasione del Festival della Sostenibilità, torna da sabato 26 Settembre a domenica 4 Ottobre, la Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione, promossa da ANBI.

(altro…)

SUCCESSO PER LA 3^ EDIZIONE DI TERREVOLUTE, IL FESTIVAL GUARDA GIA’ ALLA PROSSIMA EDIZIONE

Con lo spettacolo-performance AquaDueO di Telmo Pievani e la Banda Osiris, si è conclusa domenica sera la terza edizione di TerrEvolute – Festival della bonifica, evento tenutosi a San Donà di Piave dall’11 al 13 settembre, organizzato Anbi Veneto, con i suoi 11 Consorzi di Bonifica, e dall’Università di Padova.

L’iniziativa ha animato il territorio per tre giorni, all’insegna di incontri scientifici, spettacoli, incontri letterari, mostre artistiche e storiche, portando in primo piano il dibattito sul rapporto tra uomo e territori di pianura, fortemente caratterizzati dal plurisecolare lavoro di bonifica.

L’iniziativa è stata un successo superiore alle aspettative, visto il difficile momento sanitario vissuto nei mesi scorsi, sia per la partecipazione di pubblico, sia dal punto di vista organizzativo.

«Arriviamo alla fine della terza edizione di TerrEvolute – Festival della bonifica con tanto entusiasmo per questo evento, che ci accompagnerà sicuramente fino al 2022, quando celebreremo il centenario del grande convegno sulle bonifiche che si è tenuto nel 1922 proprio a San Donà di Piave – ha affermato la curatrice scientifica Elisabetta Novello, docente di storia economica dell’Università di Padova –. In occasione di questa edizione abbiamo avuto l’opportunità di accogliere il comitato scientifico di TerrEvolute 2022. Un comitato composto da diversi docenti di diverse università d’Italia, che insieme stanno studiando e analizzando alcuni degli obiettivi dell’agenda 2030, in particolare in quale rapporto sono questi obiettivi con quelli che sono i punti di forza e le criticità delle terre di bonifica».

“Agenda 2030, un’opportunità e una sfida per le terre di bonifica”, questo è il tema dell’importante convegno che si è tenuto in piazza indipendenza nel fine settimana.

«Un incontro aperto a tutti – continua Novello –, soprattutto alla cittadinanza, con un’intenzione il più possibile divulgativa, proprio per parlare tutti insieme di queste tematiche e iniziare oggi un progetto che ci porterà al 2022, che ancora una volta dovrà essere una data di partenza per guardare al futuro, un futuro sostenibile».

«Dal confronto del comitato scientifico di TerrEvolute 2022 – spiega Francesco Cazzaro, presidente ANBI Venetoemerge un coinvolgimento generale di tutte le forze sociali del territorio, in particolare del mondo accademico. Le persone dovranno rivedere i comportamenti quotidiani verso il territorio che ci circonda per non creare danni e, anzi, per rimediare ai danni di quanto non è stato fatto nel passato. Spero si possa arrivare al traguardo del 2022 con una proposta seria e concreta per lo sviluppo sostenibile della nostra società e che tenga conto delle molteplici necessità che abbiamo come esseri umani, per la nostra vita. Spero che, come successo nel 1922, il confronto che ci separa dal quell’appuntamento possa portare a delle conclusioni che guardino ai prossimi decenni con favore e con ottimismo per lo sviluppo del nostro territorio».

La sostenibilità è stata quindi la tematica trasversale a questa edizione: «I consorzi di bonifica saranno obbligati a fare i conti con la sostenibilità – aggiunge Francesco Vincenzi, presidente nazionale ANBI –. Una sostenibilità che come consorzi di bonifica, ricordiamo, dev’essere ambientale, sociale ed economica. Se riusciamo a coniugare questi tre concetti sarà una sfida vinta da tutti, in particolare per l’agricoltura. Un’agricoltura che sa salvaguardare il territorio, le risorse, ma soprattutto un’agricoltura che sa valorizzare quelle che sono le caratteristiche dei territori, la bellezza dei territori»

Il 2022 sarà un traguardo importante e sentito, quindi, sia dalla comunità scientifica che da tutte le ANBI d’Italia.

«Con questa manifestazione abbiamo voluto lanciare una sfida per attirare l’attenzione e fare in modo che queste proposte non rimangano solo a chi le organizza – ha continuato Cazzaro –. La necessità che abbiamo è di allargare il consenso attorno a questi argomenti, perché solo così riusciremo ad arrivare a quel risultato che ci siamo prefissati. Dovremmo prendere coscienza del fatto che lo sviluppo futuro passa attraverso il coinvolgimento generale di tutti».

Anche questa edizione ha quindi cercato di coinvolgere una platea più ampia possibile, non solo mondo accademico e ANBI, ma la stessa popolazione.

«Quest’anno abbiamo cercato, per quanto possibile, pur essendo in emergenza sanitaria, anche di lavorare molto sulla comunicazione visiva. Abbiamo addobbato tutta la piazza con le immagini degli obiettivi dell’agenda 2030, perché stimolassero la curiosità. Vogliamo che la gente ci sia vicina, che la gente ci accompagni a questo processo cha va verso un futuro sostenibile. Viviamo su un territorio molto delicato. Un territorio che dobbiamo mantenere giorno per giorno. Quindi, disseminare anche nel territorio la possibilità di vedere le idrovore, gli argini dei fiumi, visitare queste terre, visitare anche le aziende che oggi prosperano all’interno di queste terre, è un’occasione importantissima, che non sempre è possibile fare e in questi giorni di festa abbiamo potuto garantire. Abbiamo persone che hanno partecipano ai tour in bicicletta, a piedi, con le barche elettriche. Quindi – ha concluso Novello –, tanti modi diversi per visitare e vivere questo paesaggio. Tanti eventi che veramente hanno fatto parlare di ambiente, di uomo e di questo rapporto meraviglioso che dobbiamo appunto preservare».

TERREVOLUTE | FESTIVAL DELLA BONIFICA: DALL’11 AL 13 SETTEMBRE IL VENETO TORNA AL CENTRO DEL DIBATTITO NAZIONALE SUL RAPPORTO UOMO, ACQUA E TERRITORI DI PIANURA

Torna TerrEvolute, il Festival della bonifica organizzato da ANBI Veneto, con i suoi 11 Consorzi di Bonifica, e dall’Università degli Studi di Padova, la cui terza edizione si svolgerà nelle giornate di venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 settembre.  (altro…)

SPERIMENTAZIONE DEFLUSSO ECOLOGICO NEL MEDIO CORSO DEL FIUME PIAVE

Il Consorzio di Bonifica Piave (sede a Montebelluna – Tv) ha avviato il 27 luglio i rilievi degli habitat sul fiume Piave sulla base di quanto previsto nel “Progetto di Piano di Monitoraggio ambientale sul Fiume Piave”, redatto dal Consorzio stesso secondo quanto dispone la Direttiva Deflussi Ecologici e in conformità alle Linee Guida adottate dal Distretto Idrografico delle Alpi Orientali. (altro…)

IL CONSORZIO ADIGE EUGANEO STA STUDIANDO UN MODELLO IRRIGUO PER GLI AMBIENTI COLLINARI

Il Consorzio di Bonifica Adige Euganeo (sede a Este – Pd) sta mettendo a punto un nuovo modello irriguo per le zone collinari basato su invasi scavati artificialmente in cui raccogliere le acque piovane per poi convogliarli verso le colture nei momenti di bisogno, sfruttando impianti di irrigazione efficienti, riducendo così gli sprechi di acqua ed energia.

(altro…)

Facebook

YouTube