I lavori, per un importo di 193.500 euro, prevedono la realizzazione di una zona umida e di un’area boscata per la fitobiodepurazione delle acque

Il Consorzio di bonifica ‘Acque Risorgive’ si appresta ad aprire un nuovo cantiere in comune di Marcon. Oggetto dei lavori sarà lo scolo Zermason, in un’area delimitata dalla confluenza dello stesso nel fiume Zero e dallo scolo Bianchi. L’importo complessivo dei lavori è di 193.500 euro.

“Si tratta – spiega il direttore del consorzio, ing. Carlo Bendoricchio – di un intervento che, pur riguardando la rete minore di bonifica, assume una grande valenza ambientale. Esso, infatti, si inserisce nel piano più generale di risanamento delle acque, attraverso i processi di fitobiodepurazione che consentono in modo naturale l’abbattimento dei nutrienti, in particolare azoto. Per questo è stata prevista la realizzazione di una zona umida e di un’area boscata con la messa a dimora di cannucce ed altre piante di palude, la creazione di siepi con vegetazione autoctona al fine di raggiungere i migliori risultati in termini di disinquinamento delle acque”.

Il progetto, inserito tra gli interventi di ricalibrazione dei sottobacini dei fiumi Dese e Zero, oltre a mantenere la possibilità di utilizzare l’acqua a scopo irriguo, consentirà di utilizzare le piste inerbite per le attività di manutenzione e per attività di svago. Saranno infine create delle aree golenali allo scopo di raccogliere l’acqua durante le piene più intense. I lavori prenderanno il via l’8 aprile, meteo permettendo.

Mestre, 26 marzo 2013

Ufficio Stampa: Enrico Scotton – © 389.0974788 – @ enrscott@alice.it
Sede legale: VIA ROVERETO, 12 – 30174 VENEZIA – COD. FISC. 94072730271
Web: www.acquerisorgive.it – E-Mail: consorzio@acquerisorgive.it