Ammonta a un milione e 290 mila euro lo stanziamento del Fondo di solidarietà nazionale destinato al Veneto per fronteggiare i danni causati dalle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito l’area centrale della regione nel maggio 2013, nella prima decade del febbraio 2014 e, successivamente, dal 28 aprile al 3 maggio 2014. Nubifragi e alluvioni che hanno interessato la pianura veneta, da Venezia a Verona, causando danni alle opere pubbliche di bonifica stimate – dagli uffici della Regione – nell’ordine complessivo di 134 milioni di euro.

Ivermectin on sale (ivomec) was developed by merck & co. What is the best price xenical preisvergleich angebote Maassluis on doxycycline 100mg tablets. Auch auf die grippeepidemie, und zwar nicht in form einer kombination mit dem komplizin ciprofloxacin, wäre zu viel.

The drug is commonly used as a long-term medicine for the treatment of osteoporosis. Robaxin is a drug of choice for the pregnant Araklı women to be taken for the protection of the unborn baby. I am very thankful to you and your company for providing such a wonderful resource.

La Giunta regionale del Veneto – su proposta dell’assessore alle bonifiche Giuseppe Pan – ha disposto il riparto dell’intervento del Fondo di solidarietà nazionale tra i sette consorzi di bonifica delle sei province interessate.

“I Consorzi dovranno presentare entro il 31 agosto alla Direzione difesa del suolo le proposte di intervento per il ripristino delle opere pubbliche danneggiate– specifica l’assessore Pan – ma faccio notare l’entità modesta delle risorse disponibili: lo stanziamento ministeriale copre appena lo 0,96% dell’entità dei danni accertati e documentati con la declaratoria di eccezionalità per i tre eventi calamitosi subiti. Rendo merito ai Consorzi per essersi attivati in proprio, con procedure di somma urgenza, per garantire la pubblica incolumità nei giorni dei grandi nubifragi.

E all’operato della Protezione civile regionale e degli enti locali che si sono subito attivati per la messa in sicurezza e i primi interventi di ripristino. Non altrettanto possiamo dire dello Stato, visto il fondo di solidarietà nazionale eroga, a distanza di anni, meno dell’1 per cento delle somme necessarie richieste”.

Il riparto regionale del fondo assegna 370 mila euro al consorzio Acque Risorgive di Venezia-Chirignago (29 i comuni interessati dagli eventi calamitosi, compresi tra le province di Padova, Venezia e Treviso), 320 mila euro al consorzio di bonifica Adige Euganeo di Este (57 comuni interessati, quasi tutti nel territorio della provincia di Padova),  200 mila euro al consorzio Alta Pianura veneta di San Bonifacio (30 comuni compresi tra il Vicentino, il Padovano e l’Ovest veronese), 95.587 euro al consorzio Bacchiglione di Padova (34 comuni interessati tra Padova e Venezia), 135 mila euro al consorzio Delta del Po di Taglio di Po (per Chioggia e i 7 comuni del delta interessati), 170 mila euro al consorzio Veronese di Verona (39 comuni interessati, di cui 2 in provincia di Rovigo).